Art. 16 Obblighi di frequenza

La frequenza alle attività didattiche è obbligatoria e potrà essere accertata nelle forme ritenute più idonee dal titolare del corso; questi potrà anche definire modalità di frequenza diverse per studenti lavoratori o in altre specifiche condizioni. ( Estratto da : UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA)




Anno Accademico 2015/2016

L’esame di Analisi Matematica II consiste in due prove:


Prova scritta

Prova orale


Prova scritta : Si richiede lo svolgimento di alcuni esercizi riguardanti gli argomenti svolti a lezione. Non sono ammessi : libri, dispense, appunti, o ogni altro mezzo (calcolatrice, cellulare o altro sistema di comunicazione) atto ad influire la valutazione della prova. Per raggiungere la valutazione di 18/30 è necessario svolgere correttamente la metà degli esercizi contenuti nella prova. Gli esercizi parzialmente risolti o risolti in modo incompleto o non corretto sono considerati nulli ai fini della valutazione della prova.


Prova orale : Per essere ammessi a sostenere la prova orale è necessario aver superato la prova scritta con una valutazione ≥ 18/30. Si richiede l’esposizione degli argomenti svolti a lezione dimostrando di saper applicare tutte le nozioni acquisite. Si richiede la dimostrazione di tutti i teoremi dimostrati a lezione. Di norma non sono previsti argomenti a scelta del candidato.





page0_2